I giorni son sempre più brevi

Nazim Hikmet

I giorni son sempre più brevi le piogge cominceranno.
La mia porta, spalancata, ti ha atteso.
Perché hai tardato tanto? Sul mio tavolo, dei peperoni verdi, del sale, del pane.
Il vino che avevo conservato nella brocca
l’ho bevuto a metà, da solo, aspettando.
Perché hai tardato tanto?
Ma ecco sui rami, maturi, profondi
dei frutti carichi di miele.
Stavano per cadere senz’essere colti
se tu avessi tardato ancora un poco.

Ognuno ha la sua radice…

ღ ♥  ღ
Due persone possono andare d’accordissimo, parlare di tutto ed essere vicine. Ma le loro anime sono come fiori, ciascuno ha la sua radice in un determinato posto e nessuno può avvicinarsi troppo all’altro senza abbandonare la sua radice, cosa peraltro impossibile. I fiori effondano il loro profumo e spargono il loro seme perché vorrebbero avvicinarsi, ma il fiore non può fare niente perché il seme giunga nel posto giusto; tocca al vento che va e viene come vuole.

ღ ♥  ღ

~ Herman Hesse – “Knulp, storie di un vagabondo” ~

La notte


。°*★*˚°。°*。°*★

La notte non è mai così nera come prima dell’alba ma poi l’alba sorge sempre a cancellare il buio della notte. Così ogni nostra angoscia, per quanto profonda prima o poi trova motivo di attenuarsi e placarsi, purché lo vogliamo. Sappiamo che c’è la luce perché c’è il buio che c’è la gioia perché c’è il dolore che c’è la pace perché c’è la guerra e dobbiamo sapere che la vita vive di questi contrasti. ~ Romano Battaglia ~  da “Notte infinita” ~

。°*★*˚°。°*。°*★

Nostalgia de Milan

Stasera sont in vena de fa el sentimental
la nòtt l’è insci serena ma mi me senti mal!

Te scrivi cara mama, sont stuff de restaa chì:
el me Milan el me ciama visin a ti!

O mama mia mi sont lontaan,
ma g’hoo la nostalgia del mè Milan;

mi voraria turnà doman:
t’el giuri, curaria col coeur in man!

Vedè la Madonina, sentì el mé bell dialett,
svègliass ona mattina in del me lett!

O mama mia, inscì lontan,
t’el giuri, piangiaria puur de vess a Milan!

La par ‘na stupidada se pensi ai mè bastion,
e foo ‘na sifolada per cascià giò el magon!

E quand ven giò la sira ricòrdi i bei tosann,
rivedi la ringhera di mè vint’ann!

O mama mia mi sont lontaan,
ma g’hoo la nostalgia del mè Milan;

mi voraria turnà doman:
t’el giuri, curaria col coeur in man!

Vedè la Madonina, sentì el mé bell dialett,
svègliass ona mattina in del me lett!

O mama mia, inscì lontan,
t’el giuri, piangiaria pur de vess a Milan!  

(Giovanni D’anzi – Alfredo Bracchi)